: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
: Function ereg() is deprecated in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/includes/file.inc on line 531.
warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/www.mariostaderini.it/home/staderini/modules/mailhandler/mailhandler.module on line 802.
Mario Staderini | Mario Staderini per il Consiglio comunale di Roma
Mario il Segretario

Il 15 novembre il Congresso di Radicali Italiani mi ha eletto con il 78% dei voti nuovo Segretario.

Per un po, di tempo aggiornero' con difficolta' il sito, puoi trovare le mie ultime iniziative a questo link
www.radicali.it

ed i miei audiovideo qui

http://www.radioradicale.it/searchx/www?scope=1&query=staderini&groups=22,21,24

Intervento ad Anno Zero: I Privilegi della Chiesa Cattolica in Italia
Beni immobiliari del Vaticano e esenzione Ici
Lavoro nero in Vaticano? Io e le Iene.
Inchieste e appalti: le procedure secretate dei Palazzi della politica
Quel palazzo che il Senato comprò nel 2003 e i lavori dell'architetto dell'inchiesta • da Corriere della Sera del 7 maggio 2010 di SERGIO RIZZO C’è un palazzetto in largo Tomolo; a Roma, che da anni è al centro di un autentico caso. Sfociato ora in un esposto alla Procura di Perugia, titolare delle indagini sugli appalti dei Grandi eventi. Il suo autore è il segretario dei Radicali italiani Mario Staderini, che in passato, da consigliere comunale di Roma, si era sempre opposto risolutamente alla concessione del cambio di destinazione d’uso per quel palazzetto. L’obiettivo? Impedire una ulteriore invasione da parte della politica del centro storico della città, già abbondantemente occupato dai palazzi del potere. Dai e dai, Mario Staderini era diventato una spina nel fianco per il Senato. Perché quell’immobile appartiene all’amministrazione di palazzo Madama, che l’aveva comprato alla fine del 2003 con la motivazione di trovare spazio per i nuovi uffici dei senatori. Ma in circostanze a dir poco sorprendenti. Il Senato aveva infatti acquistato lo stabile di 11 appartamenti a un prezzo di nove milioni di euro da una società appartenuta fino a qualche mese prima a un senatore in carica, Franco Righetti, autore di una lunga traversata centrista, dal Ccd all’Udeur, nonché collezionista di una discreta serie di protesti bancari. Una società attraverso cui il senatore in questione aveva rilevato l’immobile da un fallimento, soltanto un anno prima di girarlo a palazzo Madama.
UN RADICALE IN CURVA NEL GIORNO DEL GIUDIZIO -Intervista a IL FATTO QUOTIDIANO del 18 aprile
INTERVISTA A MARIO STADERINI, SEGRETARIO DI RADICALI ITALIANI Oggi a Roma, a due passi dalla storia e a pochi centimetri dell`imbrunire, passa la sintesi del campionato di calcio 2009-2010. Un derby, due rivalità contrapposte, Roma e Lazio di fronte, con obbiettivi divergenti. Il maresciallo Josip Broz Tito, era morto da pochi giorni. Walter Tobagi era ancora vivo. Superata la boa di un maggio 1980 segnato dal caos, l`inconsapevole Mario Staderini, sette anni, si sedette col padre nel vecchio stadio Olimpico di Roma, con il panino nello zaino e gli occhi aperti sulla gente. Osservò il romanzo della finale di coppa nazionale tra Roma e Torino, lo zero a zero immobile lungo due ore e più e poi, puntò lo sguardo verso la curva che sarebbe diventata parte integrante della sua esistenza. Primo rigore. Errore. Secondo e quarto tiro, idem. Giovannelli, De Nadai, Agostino Di Bartolomei. Pochi uomini in più, quel giorno. Alla fine la Roma vinse lo stesso. Il portiere parò i tiri di Greco, Graziani, Pecci e Zaccarelli. e Staderini sciamò all`aria aperta, ritornando poi con il proprio abbonamento, dal 1983. Sempre. Per il segretario dei Radicali italiani, 37 anni tra due giorni, la Roma, di cui è anche azionista simbolico , è la più incurabile tra le affezioni. "Mi ricordo ancora la coreografia: "Coppa Italia sarà", con scritta in lettere tricolori. Passai metà partita a guardare la curva sud. La capacità di fare cori all`unisono in quindicimila, fu uno choc. Il senso di partecipazione che esprimeva lo stadio, mi è rimasto addosso come un abito". Respira, esagera. "La Roma è una cosa grande. Ho amato Zeman, mentre per Ranieri parlano i fatti. Il mio preferito però, oltra a Totti, era Rudi Voeller". Il tedesco che prima di allenare la Germania, segnava e volava per fare innamorare la Sud. "Venne adottato. Io lo adoravo in quanto tedesco. Rudi dimostrava come
è LA RAI FUORILEGGE, ALTRO CHE MORGAN
A Sanremo si va per cantare, non per superare prove di privata virtù di fronte ad improbabili giudici della morale di Stato. Chi decide quale messaggio è compatibile con il servizio pubblico? Quali sono i valori della “vetrina” di Sanremo, quelli di area vaticana incarnati dal tanto coccolato Povia? L’ostacolo alla prevenzione dei danni della droga non è Morgan ma il proibizionismo ed i suoi demagogici propugnatori. Tutti battuti dalla maggioranza degli italiani, che nel 1993 votarono a favore del referendum radicale per depenalizzare il consumo di sostanze stupefacenti. Il DG Masi farebbe bene ad occuparsi dei tenutari dei salotti televisivi e dei telegiornali di regime, da anni responsabili seriali delle violazioni delle leggi sull’informazione, come accertato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni . Sono loro i fuorilegge, tutt’ora impunti, che hanno reso la RAI inadempiente degli obblighi di servizio pubblico, esempio di malcostume e del degrado democratico del nostro Paese.
"Emma è vincente non facciamo favori al Pdl" intervista su La Repubblica, ed. Roma
da La Repubblica - ed. Roma del 12 gennaio 2010 di Paolo Boccacci Allora, Staderini, per la Bonino è partita la sfida. «Noi ringraziamo per l´accoglienza entusiasta che c´è stata da tanta parte dell´opinione pubblica e degli elettori del Partito Democratico» risponde il segretario dei Radicali Italiani. «E auspichiamo che si realizzi la prospettiva del sostegno da parte del Pd e che ci siano ovviamente le conseguenti intese» Come andrà con le primarie? «Noi radicali abbiamo escluso la loro utilità democratica se intese come strumento per comporre o esacerbare i conflitti partitocratici. Anche perché, dove si fanno, nei sistemi anglosassoni, ci sono regole certe e grande anticipo».
La7: intervento a Omnibus
http://www.centrodiascolto.it/videopress/videobox.php?idcat=215&path=131,215&id=34963&page=1
Intervista a Finimondo
Ministro Maroni, nulla da dichiarare?
Di seguito le interrogazioni Radicali sull'applicazione delle leggi speciali sul calcio alle quali il Ministro degli interni Maroni non ha ancora risposto. a questo link invece i comunicati precedenti dei Radicali http://lnx.mariostaderini.it/staderini/?q=node/415
Stadi vuoti per decreto: il controllo sociale con un calcio alla Costituzione
LA “RIVOLTA MORALE” DEI RADICALI - Intervista a Staderini
EPOLIS, 2 novembre 2009, pagina 22
LA “RIVOLTA MORALE” DEI RADICALI. “LA BONINO? È LA NOSTRA LEADER.”
Di Marta Rossi
Una rivolta morale: l'obiettivo dei Radicali, che avranno una lista Bonino-Pannella in ogni regione, è proprio questo. In Italia non c'è democrazia, non è uno stato di diritto. L'unica regola è la sistematica violazione delle regole: da cinquanta anni lottiamo per l'affermazione del diritto e della legalità, per questo siamo quelli più credibili a candidarci al governo del paese. Mario Staderini della direzione nazionale dei Radicali, radicale romano più votato alle ultime europee, spiega il percorso della lista Bonino- Pannella per le regionali 2010.
Morto dopo l'arresto per possesso di droga: aprire subito una inchiesta a tutto campo
Quando un uomo entra in carcere con le sue gambe e ne esce morto dopo pochi giorni, è indispensabile che le istituzioni spieghino cosa è successo in maniera pronta e trasparente. E se necessario, ammettano le loro responsabilità. Stefano Cucchi, 31 anni, non aveva segni sul viso quando fu arrestato per possesso di una modesta quantità di stupefacenti. È morto 6 giorni dopo all’Ospedale Pertini di Roma, senza che ai genitori fosse consentito neanche un colloquio. La denuncia di Luigi Manconi e dell’Associazione Antigone richiede l’immediato accertamento della verità, senza pastoie burocratiche che allontano dall’obiettivo.
Vittoria "Coscioni" al Festival del Film di Roma
Festival di Roma anche per disabili sensoriali "Mi prendo personalmente l'impegno, assieme al direttore generale del festival Francesca Via, a provvedere all'allestimento dei servizi per i disabili sensoriali a partire già dalla prossima edizione." Così si è espresso Gian Luigi Rondi, presidente della Fondazione Cinema per Roma, in occasione dell'incontro Il Festival e la disabilità , che si è tenuto presso il Bookshop dell'Auditorium in risposta alle polemiche emerse nei giorni scorsi circa l'impossibilità per ciechi e sordi di assistere ai film in concorso durante la kermesse capitolina.
MINACCE DI MORTE
ROMA, MARIO STADERINI MINACCIATO DI MORTE. La lettera contenente una pallottola relativa al processo contro Don Ruggero Conti Roma, 15 ottobre 2009 Il 13 ottobre una lettera contenente una pallottola è stata recepitata all’associazione “La Caramella buona”. La missiva fa riferimento al processo nei confronti di Don Ruggero Conti, sacerdote della parrocchia di Selva Candida a Roma rinviato a giudizio per violenza sessuale contro minori e prostituzione minorile. All’interno della lettera minacce di morte nei confronti di Mario Staderini, membro della Direzione di Radicali Italiani, costituitosi parte civile nel processo a nome ed in sostituzione del Comune di Roma.